Featured Gear

Test: Come nutrire la propria corsa con Brooks Levitate Black

5 maggio 2018

Negli anni di frequentazione di club sportivi, runner amatori e del popolo variegato che ruota attorno al mondo della corsa, devo dire che ne ho sentite di tutti i colori.

C’è chi consuma quintali di vitamine e integratori, chi mangia solo determinati cibi prima di una gara, chi si alimenta a semi come un criceto, chi rispetta regole di digiuno da Ashram…

Per questo, ho sorriso quando Brooks mi ha invitata a leggere i dati di una ricerca realizzata da Survey Sempling International che svela ciò che i runner fanno e farebbero per cercare di correre meglio e più a lungo.

Molti runner italiani confessano di assumere alimenti energetici prima di mettersi a correre. I cinque alimenti più utilizzati sono le banane (49%), le barrette energetiche (48%), il cioccolato (43%), le noci (42%) e lo yogurt (34%). A sorpresa, qualcuno mangia anche la pizza (8%), mentre quasi uno su tre (29%) beve caffè prima di iniziare la corsa.

“Ogni runner, dall’amatore all’ultra-maratoneta, ha esigenze diverse: è opportuno quindi adattare l’alimentazione alla tipologia di allenamento”, ha giustamente sottolineato il professor Franco Angelini, nutrizionista sportivo e Presidente della Società Italiana di Nutrizione dello Sport e del Benessere (SINSeB), Italian Ambassador Advisory Board dell’International Society of Sport Nutrition (ISSN).. “Un allenamento a bassa intensità necessita di pochi carboidrati e dunque ben vengano frutta secca, cioccolato fondente e caffè dolcificato con miele. Se invece si deve affrontare una corsa ad alta intensità, è meglio aumentare l’apporto di carboidrati con una barretta energetica o un gel o delle maltodestrine, magari associate ai flavanoli del cacao”.

Personalmente, ammetto di curare l’alimentazione e di consumare molte proteine buone, cioccolato fondente, mandorle e nocciole, oltre a Omega 3, assunti attraverso l’alimentazione e supportati con integratori. Sono consapevole però che i risultati che ottengo dipendano principalmente dal mio allenamento, che va di pari passo con il mio potenziale, e con l’utilizzo di una buona attrezzatura sportiva.

A questo proposito, Brooks ha provocatoriamente proposto di passare a una “scarpa da corsa energetica”.

“Essendo noi stessi corridori, sappiamo bene che tutti desideriamo qualcosa che ci faccia correre più a lungo e con maggiore facilità”, spiega Susana Pezzi Rodriguez, Marketing Manager Brooks Italia. “Per quanto esistano alimenti che forniscono energia supplementare, è il passaggio a una scarpa da corsa energetica che aiuta davvero ad allungare le distanze. Per anni nei laboratori Brooks abbiamo lavorato per mettere a punto un sistema per dare ai runner l’energia per correre più a lungo, e alla fine ce l’abbiamo fatta. Brooks Levitate fornisce il maggior ritorno di energia tra le scarpe da corsa tecniche leader sul mercato e contiene la rivoluzionante tecnologia dell’intersuola DNA AMP, che restituisce l’energia direttamente al runner, dando l’illusione di poter correre per sempre”.

Ma in che modo le scarpe Brooks Levitate aiutano i corridori a correre più a lungo?

  • Ammortizzazione Energizzata– Con il maggior ritorno di energia fra le scarpe da corsa performance leader sul mercato, la tecnologia dell’intersuola DNA AMP della Levitate porta l’energia a dirigersi direttamente verso il runner.
  • Transizioni rapide – La suola flessibile a forma di punta di freccia facilita le transizioni tallone-avampiede, velocizzandole senza dispersioni di energia al suolo.
  • Calzata intuitiva – La tomaia Fit Knit avvolge il piede nel suo comfort, muovendosi ed espandendosi.

Per la primavera-estate 2018, Brooks ha riproposto la Levitate in nero (qui la review del modello di lancio). Un colore che ricorda molto il mio adorato cioccolato fondente. Non trovate?

No Comments

    Leave a Reply