Featured Lifestyle

Sfida al caldo in dieci mosse

24 luglio 2018

Vuoi andare ad allenarti ma le alte temperature ti scoraggiano? Pensa a che peccato sarebbe ritrovarsi fuori forma a settembre, proprio quando ricominciano le gare e tu dovresti essere al top… Le soluzioni sono due. O andare in vacanza in montagna ma, si sa, le vacanze sono temporanee e bisognerà tornare prima o poi all’ovile bollente. Oppure cercare di rispettare alcune regole di massima sulla gestione dell’allenamento outdoor in caso di clima very hot.

Sotto i miei dieci consigli da personalizzare all’occorrenza.

Cerca di essere flessibile con gli orari

In base agli impegni, sarebbe opportuno allenarsi quando le temperature sono più accettabili. A volte è meglio la mattina presto, altre la sera. Il mio coach chiede sempre nel resoconto delle tabelle indicazione del clima per interpretarne il risultato. Questo a sottolineare quanto il meteo possa condizionarci in senso positivo o in senso negativo.

Bevi tanta acqua durante tutto il giorno e non solo prima dell’allenamento

Una corretta idratazione è funzionale a prevenire alcuni sintomi come le vertigini, i crampi allo stomaco o il mal di testa. L’ideale sarebbe bere anche durante l’allenamento, almeno ogni 15/20 minuti.

Fatti una doccia fredda

Buttarsi sotto l’acqua fresca prima dell’allenamento serve ad abbassare la temperatura corporea. Lascia i tuoi capelli bagnati. Se sono corti, bagnali anche durante l’allenamento. Se sono lunghi, non strizzarli troppo e legali con uno chignon in modo che l’acqua possa scivolare progressivamente.

Modula l’allenamento in base alle condizioni climatiche

Se ti trovi ad allenarti con temperature molto elevate, è meglio optare per sessioni brevi, come ripetute corte o medie, concedendosi lunghe fasi di recupero per stare possibilmente all’ombra e bere dell’acqua.

Investi in abbigliamento traspirante

Capi tecnici iper leggeri e traspiranti sono un must. Respingono l’umidità dal corpo in modo da garantire una sensazione di maggior freschezza. Può essere utile anche indossare un cappello, anzi meglio una visiera per lasciare che il calore fuoriesca dalla sommità della testa.

Esercitati in luoghi più freschi

Per chi ne ha la possibilità, la cosa migliore è sfruttare percorsi ombreggiati, all’interno dei parchi o, addirittura, sotto le gallerie come io faccio spesso sulla ciclabile di San Remo!

Dividi i tuoi allenamenti

Se hai il tempo per farlo, puoi pensare anche di suddividere l’allenamento giornaliero in due sessioni, in modo tale da non affaticare troppo l’organismo.

Riduci la velocità

A meno che non si abbia qualche specifica gara in programma, va bene anche correre un po’ più lentamente o sbaglio? Prendersi una pausa non fa mai male.

Fatti una nuotata post corsa

Un tuffo in acqua rinfresca e lenisce i dolori e i tormenti di qualsiasi allenamento bollente!

Corri sotto la pioggia

La pioggia estiva è piacevole. Le gocce d’acqua con 30 gradi sono come una coccola. Correre sotto l’acqua ha il suo perché, a meno che non si tratti di un uragano tropicale! In tal caso meglio starsene a casa a leggere un buon libro.

No Comments

    Leave a Reply