Quest’anno l’inverno si sta facendo sentire e sicuramente a molti di voi sarà capitato di doversi confrontare con la neve durante i giorni di allenamento, soprattutto in montagna. Il mio invito è quello di non scoraggiarsi. Sarebbe sbagliato considerare condizioni climatiche estreme come un ostacolo. L’atteggiamento giusto da assumere in questi casi è quello di vedere il freddo come un’opportunità per sperimentare nuove forme di corsa allenanti, a patto di essere attrezzati in modo corretto.

Ecco quindi dieci suggerimenti per non appendere le scarpette al chiodo durante la settimana bianca e scoprire le meraviglie del “frozen running”.

Investire in abbigliamento sportivo invernale

Restare al caldo è fondamentale. Normalmente preferisco vestirmi un po’ di più piuttosto che rischiare di soffrire il freddo, soprattutto quando c’è vento e quando so che correrò abbastanza lentamente, passando parecchio tempo all’aperto. Con la neve è buona regola indossare una maglia termica a maniche lunghe e una giacca impermeabile in Gore Tex (un terzo strato è consigliato ai più freddolosi), oltre a pantaloni tecnici, impermeabili a loro volta.

Coprire le estremità

In caso di neve, indispensabili sono un cappello, un paio di guanti e uno scaldacollo con cui proteggere parte del viso. Il sudore tende a ghiacciare e ho gia sperimentato la sensazione poco piacevole di ritrovarmi con la brina nei capelli o sulle ciglia dopo una campestre. Le campestri però sono gare brevissime e condotte al massimo dello sforzo. Altra cosa è restare all’aperto per almeno un’ora procedendo a un’andatura sotto ritmo.

Usare le scarpe giuste

Con un manto nevoso e a tratti ghiacciato sono indispensabili scarpe da trail che garantiscano un grip ottimale e mantengano il piede asciutto. In commercio ce ne sono per tutti i gusti di marchi come Salomon, La Sportiva o The North Face, solo per citarne alcuni.

Scegliere calze adeguate

Da non sottovalutare è l’impiego di calze calde e performanti per mantenere il piede in condizioni ottimali. Una calza giusta tiene più caldo di tre calzini “sbagliati” sovrapposti. Un esempio? I modelli invernali a compressione di The wonderful socks.

Correre in maniera rilassata

Lo so che se non si ha l’abitudine di correre sul ghiaccio o sulla neve è facile sentirsi a disagio. Più ci si irrigidisce però e più sono alte le probabilità di farsi male o di scivolare. La cosa migliore è cercare di procedere come se fossimo sull’asfalto, solo con un po’ di prudenza in più.

Appoggiare la parte centrale del piede

Compiere una rullata completa non è particolarmente indicato quando il terreno è ghiacciato. Meglio atterrare con la parte centrale del piede per sfruttare l’aderenza delle scarpe da trail.

Dimenticarsi della velocità

Fare le ripetute sulle neve è impossibile, mettetevelo in testa. In queste condizioni il vostro corpo lavora già più del normale per mantenere la stabilità, quindi meglio concentrarsi su una corsa facile, di rafforzamento e non condizionata dal gps.

Correre nella parte centrale della giornata

Ricordatevi di sfruttare le ore centrali della giornata per evitare il ghiaccio e il buio.

Riappacificarsi con la natura

I paesaggi innevati sono poesia per gli occhi. Imparate ad abbandonarvi alla natura e a guardarvi intorno con curiosità.

Alternare la corsa allo sci di fondo

Lo sci di fondo è un ottimo sport complementare alla corsa. Se siete in montagna, valutate anche questa alternativa.

No Comments

Error: Access Token is not valid or has expired. Feed will not update.
This error message is only visible to WordPress admins

There's an issue with the Instagram Access Token that you are using. Please obtain a new Access Token on the plugin's Settings page.
If you continue to have an issue with your Access Token then please see this FAQ for more information.