Experience

L’Inferno si fa in tre

27 dicembre 2017

Cuneo, Milano e Firenze. Per la sua quinta edizione Inferno, la corsa a ostacoli più diabolica e partecipata d’Italia con oltre 5 mila presenze solo nel 2017, si fa in tre. Oltre al consueto appuntamento fiorentino, infatti, la manifestazione si arricchirà con due nuove tappe diventando, di fatto, la prima Ocr Series italiana.

Il 2018 si aprirà con l’Inferno Snow. Il 18 marzo Prato nevoso, località sciistica della provincia di Cuneo in Piemonte, ospiterà la prima edizione invernale dell’Inferno. La sfida sarà resa ancora più coinvolgente dall’ostacolo neve, che si aggiungerà ai 20 previsti sul percorso Short da 5 km. Nella categoria competitiva la gara darà accesso alle qualifiche ai Campionati Mondiali Ocr 2018.

Per la seconda tappa i diavoli raggiungeranno il 5 e 6 maggio la Lombardia per invadere con Inferno City l’Idroscalo di Milano a Segrate. L’obstacle course racing tornerà a infiammare il tempio dello sport outdoor milanese: divertimento assicurato grazie a un tracciato che unirà natura, acqua e ostacoli.

Per il gran finale la diabolica Ocr farà ritorno il 13 e 14 ottobre nella sua terra d’origine in Toscana, a Figline Valdarno, in provincia di Firenze, per la tradizionale Inferno Mud tra fango e sorrisi. Appuntamento al Norcenni Girasole Village con un avventuroso percorso tra vigneti, boschi di campagna e colline.

Le edizioni City e Mud sono inserite nel Campionato Italiano Ocr 2018 con la Standard course (9 km e 30 ostacoli), qualificante nella categoria competitiva ai Campionati europei e mondiali Ocr. Confermata anche la Short course (3 km e 20 ostacoli), aperta per la prima volta in Italia da Inferno nel 2017 ai minori dai 13 ai 17 anni, che potranno nuovamente gareggiare per conquistare l’accesso ai Mondiali.

L’anima goliardica della manifestazione vivrà nei tantissimi partecipanti non competitivi, di ogni fascia d’età, che correranno sugli stessi percorsi individualmente o in team. Sempre più squadre, infatti, in rappresentanza di associazioni, palestre e aziende, scelgono di affrontare questa indimenticabile esperienza sportiva per divertirsi contando sul reciproco aiuto. Per i piccoli mudder dai 4 ai 12 anni torna la Baby Inferno, che sostiene con il proprio ricavato progetti di solidarietà rivolti all’infanzia e ai giovani.

Le porte di Inferno saranno aperte davvero a tutti, iscrivendosi su www.infernorun.it.

Per concludere, ecco qualche curiosità.

Quattro sono state le edizioni per Inferno, che dalla nascita nel 2014 ha portato 12 mila finisher a tagliare il traguardo. A correre obstacle runner di ogni età, dai 14 ai 71 anni, di cui 1 su 3 donna, individualmente o in squadra, con 1.500 team coinvolti dagli esordi. Grazie al fango infernale sono stati celebrati 1 matrimonio, 4 fidanzamenti e 6 addii al celibato. Con la Baby Inferno, che ha fatto divertire ad oggi 1.000 bambini, sono stati devoluti in beneficenza oltre 10 mila euro. Tra gli atleti competitivi, distribuiti 15 mila euro in premi.

You Might Also Like...

No Comments

    Leave a Reply