Experience

Crono dipendenza

28 ottobre 2015

“Tra quanto hai l’appuntamento con tizio?”
“Tra 35 minuti e 44 secondi. Se vado in bici a una velocità media di 15 km/h dovrei impiegarci circa 10 minuti, se vado a piedi a un passo di 5 km/h ce ne dovrei mettere 30”.
Dialogo surreale con una donna che ha scoperto l’esistenza del crono.

Da quando cerco di correre più seriamente, la mia percezione del tempo sfiora il paranoico.

È vero che ancora faccio fatica a mettermi in testa che un’ora è fatta di 60 secondi e non di 100, ma oggi mi ritrovo a formulare calcoli assurdi, porto due orologi nella vita di tutti i giorni e due per correre, un gps e un crono.

In passato dichiaravo di fare i 10 k in un’ora, concetto labile che poteva variare tra l’ora e 4 minuti e i 58 minuti. Adesso, che sto migliorando a suon di ripetute, sono più scientifica nei miei calcoli di Albert Einstein.

Insomma, correre ha completamente modificato il mio modo di vivere il tempo.

E, siccome sono consapevole che questo accade a molti, ho ideato un piccolo test per scoprire a che livello è la vostra trasformazione in cronografi ambulanti.

1. Quando trilla il timer per scolare la pasta, scattate alla velocità di una ripetuta breve dal salotto alla cucina? Sì o no

2. Quando suona la sveglia al mattino, la prima cosa che vi viene in mente è seminare chiunque possa tagliare il traguardo del bagno prima di voi? Sì o no

3. Quando siete fermi al semaforo e scatta il verde, calcolate il real time che vi separa dall’attraversamento dell’incrocio? Sì o no

4. Quando guardate l’orologio fate involontariamente il gesto di stoppare il tempo? Sì o no

5. Non riuscite a digerire il fatto di aver perso un minuto e 20 secondi alla cassa dell’Esselunga rispetto alla settimana precedente nonostante l’allenamento con il Presto spesa? Sì o no

Se avete totalizzato un minimo di tre sì, siete ormai entrati nel tunnel. Benvenuti. Se i sì sono meno di tre, siete ancora salvi ma attenzione perché prima o poi toccherà anche a voi. Del resto, è solo una questione di tempo.

No Comments

    Leave a Reply