Gear

Test: la rivoluzione estetica e strutturale delle Asics Noosa FF

4 maggio 2017

Quando ho visto per la prima volta le nuove Asics Noosa FF ammetto di aver provato un certo stupore.

Mi sono chiesta dove fosse finita l’iconica grafica della tomaia che caratterizza ogni paio di calzature del marchio giapponese.

Al suo posto, infatti, campeggia l’immagine di una stella tagliata a metà, affiancata dalla A del marchio, riproposta su una linguetta posteriore. Allo stesso modo, i colori sono tutt’altro che convenzionali. Il mio paio di Noosa FF ha una suola sfumata, che vira dall’arancione al giallo fluo, riportando in rilievo il nome del modello, su cui è montata una tomaia azzurra, pensata per non passare inosservati.

Una vera e propria rivoluzione estetica alla quale si accompagna una rivoluzione strutturale. La Asics Noosa FF fa parte della FlyteFoam™ Fast Series, una gamma di modelli studiata per ridefinire il concetto di velocità, dando a un numero maggiore di runner la possibilità di avere a disposizione la tecnologia per intersuola più leggera in assoluto, la FlyteFoam2.

La serie comprende tre tipi di scarpe con importanti caratteristiche tecniche che consentono grande ammortizzazione unita alla massima leggerezza, per donare la sensazione di velocità ad ampio spettro ad atleti con diversi tipi di caratteristiche quali pronazione, livello di esperienza e diversi obiettivi. Tutti i modelli (DynaFlyte, Noosa FF e Gel-Ds Trainer) si avvalgono appunto della tecnologia FlyteFoam, risultato di tre anni di sviluppo e oltre 300 prototipi testati all’Istituto dello Sport e della Scienza di Asics. Si tratta di un’intersuola realizzata con fibre rinforzate che lavorano per mantenere l’ammortizzazione con una leggerezza del 55% superiore rispetto agli standard di mercato.

La sensazione immediata che ho provato indossando le Asics Noosa FF è stata infatti quella di una estrema leggerezza accompagnata da una grande ammortizzazione. Non ho un appoggio perfetto del piede e, per quanto mi riguarda, è fondamentale indossare una calzatura in grado di ridurre l’impatto con il suolo e di minimizzare il mio difetto supinatorio. Allo stesso tempo, però, apprezzo le caratteristiche di una scarpa reattiva. La Asics Noosa FF è capace di coniugare queste due caratteristiche che, in passato, sembravano non poter convivere in uno stesso modello.

Le ho testate sia per ripetute in velocità sia sui lenti lunghi e il risultato è quello di non sentirle nemmeno addosso, nel senso buono del termine. Nessun attrito, nessuna frizione, nessun fastidio al piede. Sono quel tipo di scarpe che sembrano essere cucite addosso su misura. Asics è sempre una garanzia e le Noosa FF lo confermano. Questo modello, in particolare, ha poi quel tocco fashion in più che non guasta.

Le trovate su asics.com e nei negozi specializzati.

Location, courtesy Villa Godi Malinverni

You Might Also Like...

No Comments

    Leave a Reply